EXITone all’Aquila per una gestione ‘smart’ dell’illuminazione pubblica

In occasione dell’intervento odierno di EXITone alla conferenza “L’Aquila: un’altra luce per la ricostruzione“, organizzata presso la sede abruzzese dell’Anci, approfittiamo per fare il punto della situazione sull’attivazione della Convenzione Consip ”Servizio Luce 2″, progetto che ha visto EXITone operativo per la gestione integrata degli impianti di illuminazione pubblica, la fornitura di energia elettrica, gli interventi di adeguamento normativo, tecnologico e di riqualificazione energetica degli impianti e, nel caso i comuni lo richiedano, anche della gestione dei sistemi semaforici dislocati sul territorio di Lazio e Abruzzo (lotto 5).

Affiancano EXITone in questa commessa un po’ sui generis per la nostra azienda, Citelum S.A. che è anche Capogruppo Mandataria e Siram S.p.A.

Per quanto riguarda la commessa in questione, EXITone ha in carico le attività concernenti gli interventi per il risparmio energetico, quali ad esempio, la sostituzione di apparecchi di illuminazione/lampade a maggiore efficienza, l’installazione di regolatori di flusso, di stabilizzatori di tensione e di alimentatori elettronici ed altro ancora.

EXITone ha, inoltre, il compito di effettuare i sopralluoghi presso gli impianti dell’Amministrazione che ha effettuato la richiesta fornitura. In tale occasione si provvedono a definire, ad esempio, i dati identificativi degli impianti, il numero dei pali, sostegni e tiranti in sospensione per i punti luce, il numero dei punti luce con riferimento anche alla tipologia ed alla potenza delle lampade, ecc. Il sopralluogo permette altresì di raccogliere tutti dati utili alla definizione dei consumi specifici ed alle condizioni di esercizio degli impianti, con l’obiettivo di individuare eventuali criticita/diseconomie nell’utilizzo delle fonti energetiche e con l’obiettivo di individuare opportunità di possibili interventi di risparmio energetico.

Analogamente, con riferimento alla verifica dello stato di adeguamento alle condizioni di sicurezza, EXITOne esegue i controlli e le misure che ritiene necessari per una corretta e completa analisi delle condizioni degli impianti in relazione alle prescrizioni della normativa vigente in materia di sicurezza, a seguito dei quali esprime un giudizio sulla conformità degli impianti alla normativa sulla sicurezza.

A seguito del sopralluogo, EXITone predispone il Piano Dettagliato degli Interventi, un documento ufficiale contenente il preventivo dei Canoni relativi al Servizio Luce e la proposta tecnica ed economica per gli interventi di manutenzione straordinaria, di riqualificazione energetica e di adeguamento normativo e tecnologico.

Gli obiettivi primari della commessa sono, dunque, il risparmio energetico e la riduzione dell’inquinamento luminoso, il miglioramento delle condizioni di sicurezza dei cittadini ed il miglioramento della sicurezza stradale secondo gli ultimi standard tecnici e normativi di riferimento.

Vediamo ora le fasi operative.

Per il momento il quadro complessivo delle Amministrazioni coinvolte  dice che abbiamo a che fare con Comuni medio -piccoli con una media di circa 3.500 punti luce ognuno. Partecipano anche Amministrazioni più grandi, con  richieste anche da Comuni che hanno 10.000 o perfino 16.000 punti luce, ma si può dire che il target di riferimento è quello di Comuni con circa 35.000 – 40.000 abitanti.

Durante lo svolgimento dei sopralluoghi  compito di EXITone è quello di censire tutti i punti luce, i quadri e le lanterne semaforiche allo scopo di ricavarne i quantitativi. Oltre al censimento numerico si stabilisce anche il canone di questi punti luce e per fare questo è necessario individuare la tipologia e la potenza di ogni lampada: la relazione tra questi due dati determina il canone annuale. Per calcolare i servizi extra-canone, come i lavori per la riqualificazione energetica, la manutenzione straordinaria e gli adeguamenti tecnologici e normativi, è previsto anche un calcolo delle possibilità di efficientamento.

Una migliore gestione dell’illuminazione pubblica è un primo passo verso una gestione integrata del comparto energetico urbano, una città dunque sempre più orientata più verso il modello smart city. 

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet