EXITone per il censimento immobiliare del Comune di Brindisi

Si è tenuto oggi, lunedì 14 gennaio, in mattinata a Brindisi la conferenza stampa di presentazione del “Censimento immobiliare 2013” coordinato da EXITone su incarico del Comune di Brindisi.

Il censimento è finalizzato alla costruzione di un quadro conoscitivo in grado di orientare e di determinare le scelte strategiche in materia di gestione, valorizzazione, dismissione e trasformazione dei beni comunali, il censimento riguarderà tutto il patrimonio comunale: edifici scolastici, complessi sportivi, uffici, abitazioni, beni monumentali, locali artigianali e commerciali.


Tale attività – ha affermato l’Assessore al Patrimonio e Casa Dolores Fiorentino – avverrà attraverso la identificazione e la localizzazione di tutti gli immobili che compongono il patrimonio del Comune di Brindisi. Alla fase di censimento si affiancheranno le attività di valutazione e di analisi descrittive, giuridico-amministrative, tecnico-urbanistiche ed economiche che costituiscono il supporto indispensabile per la definizione di una strategia di gestione del patrimonio immobiliare stesso che potrà essere di valorizzazione, di dismissione e di trasformazione della destinazione d’uso”.

L’Amministrazione comunale – dopo apposita gara d’appalto avviata nel 2011 – ha incaricato, dunque, i tecnici di EXITone per il servizio di rilevazione, stima ed aggiornamento del proprio inventario. Saranno, pertanto, condotti sopralluoghi presso tutti gli immobili comunali nell’arco di circa due-tre mesi. Ma il lavoro dell’agenzia si protrarrà per la durata complessiva di 4 anni.

Si tratta di un servizio di fondamentale importanza – ha concluso il sindaco Consales – tanto più perché l’Amministrazione, attraverso un inventario costantemente aggiornato, sarà finalmente in grado di lavorare non più ‘a spot’, ma programmando il lavoro con continuità e senza intoppi. Dobbiamo essere in grado di dismettere eventuali immobili troppo onerosi o, comunque, non più funzionali, per alleggerire un carico economico non giustificabile. Bisogna, dunque, entrare nell’ottica di idee che il Comune deve funzionare come un’azienda che, come tale, deve riuscire sempre a far quadrare i conti”.

In questi giorni, nelle case dei cittadini sarà consegnata una brochure che indica finalità e modalità del servizio, oltre al calendario dei sopralluoghi da parte dei tecnici di EXITone che saranno, in questo, coadiuvati da dieci giovani brindisini.

Per maggiori informazioni sull’attività e sugli step operativi, scarica il numero 10 di EXtra, il nostro eMagazine dedicato a tutte le novità del mondo EXITone.

 

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet