Edilizia Pubblica: il 2013 è l’anno della manutenzione

Con l’entrata in vigore del Decreto Ministeriale dell’8 ottobre 2012 (“Manutenzione degli immobili utilizzati dalle pubbliche amministrazioni” in Gazzetta dal 20/12/2012) parte ufficialmente la manutenzione programmata degli immobili in uso alle PA.
Il decreto stabilisce che entro il 31 gennaio di ogni anno, le pubbliche amministrazioni dovranno comunicare all’Agenzia del Demanio le previsioni triennali degli interventi edilizi che prevedono di effettuare sui fabbricati utilizzati, differenziandoli tra interventi di manutenzione ordinaria e interventi di manutenzione straordinaria.

Già da febbraio 2013 l’Agenzia del Demanio stabilirà delle linee guida per indicare alle Amministrazioni come predisporre le previsioni triennali che dovranno essere incentrate su interventi edilizi utili al contenimento dei costi di gestione degli immobili, interventi di efficientamento energetico e, se possibile, recupero degli spazi interni degli immobili di proprietà dello Stato.
Gli interventi manutentivi saranno poi realizzati dai Provveditorati alle opere pubbliche mediante contratti di appalto con le imprese individuate dall’Agenzia del Demanio.

Il Decreto Ministeriale si allinea all’approvazione della Direttiva Europea 2012/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio sull’Efficienza Energetica che stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell’efficienza energetica e che si inserisce nel Progetto 20/20/20.

La Direttiva impone agli stati membri di elaborare una strategia a lungo termine per favorire la ristrutturazione, anche energetica, degli edifici residenziali e commerciali, sia pubblici che privati. Per gli edifici pubblici soprattutto sarà necessario intervenire: dal 1° gennaio 2014 infatti il 3% della loro superficie dovrà essere ristrutturata ogni anno per rispettare i requisiti minimi di prestazione energetica stabiliti dalla Direttiva “Edifici a Energia a Quasi Zero”.

Questi interventi, a livello comunitario e nazionale, si allineano alle contemporanee esigenze di contenimento dei costi e di riqualificazione dei patrimoni immobiliari che sono il cuore della mission di EXITone, sia a livello aziendale, sia con l’attività del Network dei Tutor dell’Immobile.

EXITone infatti:

  • è partner strategico delle Pubbliche Amministrazioni nelle operazioni di valorizzazione dei patrimoni immobiliari complessi (e per quanto riguarda progetti di efficientamento energetico di edifici complessi è già in fase operativa la commessa Consip MIES);
  • ha creato la figura del Tutor dell’Immobile per poter ‘espandere’ l’esperienza maturata con grandi clienti pubblici alla medio-piccola proprietà diffusa sul territorio.

 

Il 2013 si prospetta un anno ricco di iniziative e opportunità…

 

 

Per maggiori informazioni: www.exitone.it/tutordellimmobile

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet