Efficienza edifici: ultimatum dall’UE per l’Italia

Ancora ritardi nel recepimento della direttiva europea sull’efficienza energetica. Italia, Grecia, Portogallo e Bulgaria hanno ricevuto questa mattina l’ennesima richiesta da parte della Commissione Europea, che le sollecita a comunicare e notificare le rispettive misure di attuazione legate al disposto della direttiva sulla prestazione energetica nell’edilizia.

Le richieste erano chiare: entro il 9 luglio 2012 tutti gli Stati membri avrebbero dovuto recepire la direttiva 2010/31/UE all’interno della propria legislazione nazionale, stabilendo e applicando requisiti minimi di prestazione energetica per gli edifici nuovi ed esistenti, assicurando la certificazione delle prestazioni energetiche, mettendo inoltre a regime un sistema di controllo univoco per l’ispezione regolare dei sistemi di riscaldamento e di condizionamento. Tra i ritardatari che non hanno ne saputo ne voluto aggiornarsi per tempo, troviamo purtroppo anche l’Italia.

Già ad aprile del 2012, la Commissione Europea decise di deferire il nostro Paese alla Corte di Giustizia, per il mancato recepimento addirittura della Direttiva 2002/91/CE, già sostituita dall’attuale direttiva 2010/31/UE.

La direttiva fa obbligo inoltre agli Stati membri di assicurare che, entro il 2021, tutti i nuovi edifici rientrino nella categoria dei cosiddetti “edifici a energia quasi zero”. Se i quattro Stati membri non ottempereranno al loro obbligo legale entro due mesi la Commissione può decidere di deferirli alla Corte di Giustizia.

Qualche piccolo passo in realtà si sta giù muovendo: come abbiamo già riportato è entrato in vigore il Decreto Ministeriale  che centralizza sull’Agenzia del Demanio la ricognizione delle esigenze di manutenzione (ordinaria e straordinaria), ma anche di nuova costruzione, relativi agli immobili di proprietà dello Stato in uso alle Pubbliche Amministrazioni e sugli immobili condotti in locazione passiva, ma resta ancora da regolamentare gli interventi per le altre tipologie di edifici.

Da una parte abbiamo infatti una serie di provvedimenti (bonus fiscali, regolamentazioni sulla certificazione energetica, Conto Termico) che agevolano questo tipo di interventi, ma manca un testo unico che recepisca in pieno le norme comunitarie.

In questo contesto EXITone ha deciso di stipulare un accordo con Harley&Dikkinson Finance  che permette ai Tutor dell’Immobile EXITone l’ingresso in un sistema di opportunità potenzialmente in grado di generare incarichi retribuiti di progettazione e direzione lavori nell’ambito di interventi integrati di efficientamento energetico degli immobili.

Per maggiori informazioni, potete sfogliare questa informativa:

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet