Riqualificazione edifici: dalle Regioni i fondi europei

Continuano ad aumentare le iniziative promosse dalle Regioni per finanziare la riqualificazione energetica degli edifici utilizzando i contributi stanziati dall’Unione Europea.
Se per gli edifici di nuova costruzione gli enti locali stanno adeguando le normative edilizie con la previsione di standard minimi energetici , per la riqualificazione energetica di quelli già esistenti il meccanismo in assoluto più diffuso è quello del bando per la distribuzione di incentivi o risorse, facendo leva sui fondi Por-Fers 2007-2013.

Fra le principali iniziative attivate in ogni Regione, troviamo:

  • Piemonte

– Agevolazioni per efficientamento energetico imprese (5 milioni, contributi a fondo perduto o finanziamenti a tasso agevolato;
– Erogazione contributi in conto capitale fino all80% dell’intervento del costo dell’intervento di riqualificazione su edifici pubblici (oltre 6 milioni di euro a disposizione).

  • Sardegna

Incentivi per installazione impianti fotovoltaici nei condomini (7 milioni, contributo in conto capitale fino a 700     euro per Kw installato). Rivolti ai proprietari di singole unità immobiliari o ai condomini.

  • Toscana

Agevolazioni per efficientamento energetico imprese (8 milioni, sostegno fino al 60% del costo ammissibile per progetto).

  • Val d’Aosta

Agevolazioni per riconversione energetica imprese agricole (500.000 euro, sostegno fino al 60% del costo ammissibile per progetto).

  • Veneto

Fondo rotazione per contenimento energetico PMI (38,8 milioni, contributo fino al 23% del costo ammissibile dell’investimento o finanziamento agevolato).

 

Per quanto riguarda invece l’efficientamento energetico degli edifici pubblici  sarà disponibile fra qualche mese il Censimento della Classe Energetica degli Immobili Pubblici stilata dall’ENEA e dal M.E.F. , che comprenderà non solo i ‘palazzi’ ministeriali, ma anche tutti gli immobili utilizzati dagli enti locali sul territorio.

Insomma, il mercato della riqualificazione energetica si conferma come uno dei settori più interessanti: dal 2007 ad oggi l’Enea ogni anno riceve all’incirca 300mila richieste di incentivo per questa tipologia di interventi; negli ultimi 6 anni sono stati riqualificati circa 1 milione e mezzo di edifici e la percentuale annua di unità riqualificate è pari al 2% del totale nel settore pubblico  e al 6,5% in quello privato.

Numeri alla mano si capisce quale sia la direzione che i professionisti devono seguire: specializzarsi nella gestione e nella valorizzazione dell’ asset immobiliare.
EXITone, attraverso il suo Business Network, intende  condividere il know how e l’esperienza maturata nella gestione dei patrimoni immobiliari complessi a tutti quei liberi professionisti che intendo sviluppare nuove opportunità di business nel campo della gestione del costruito,  aggiungendo alla propria attività la professionalità multidisciplinare del Tutor dell’Immobile  e diventando anche fornitore e testimone sul territorio di  EXITone.

Per maggiori informazioni: www.exitone.it/tutordellimmobile 

Fonte per i dati: Casa 24 Plus 

 

 

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet