Decreto del Fare, ecco cosa cambia in edilizia

Il Decreto del Fare, convertito in legge (l. 98/2013 – D.L. 69/2013 – art 30 ‘Semplificazione in materia edilizia) è in pieno vigore dallo scorso 21 agosto e contiene numerose disposizioni che modificano la disciplina e le procedure edilizie. Viene infatti, per l’ennesima volta, modificato il Testo Unico dell’Edilizia (d.P.R. 380/2001).

Il testo definitivo del recente provvedimento riforma la definizione di ristrutturazione, distinguendo tra quella realizzabile mediante SCIA e quella assimilata a nuova costruzione. Introduce – a determinate condizioni – l’agibilità parziale per il rilascio del relativo certificato anche a singole porzioni della costruzione, interviene su più aspetti della normativa antincendio, semplifica il procedimento di formazione e concessione dell’autorizzazione paesaggistica. Puntualizza criteri e modalità per l’indennizzo del danno da ritardonella conclusione del procedimento che, eventualmente, la pubblica amministrazione dovesse cagionare al richiedente.

Vediamo (grazie all’efficace sintesi di EdilTenico.it/Geometri.cc) quali sono le principali novità introdotte:

clicca qui per vedere la tabella riassuntiva o sulle singole immagini


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet