Le infrastrutture green fanno aumentare il valore degli immobili

Un’interessante infografica del Natural Resources Defence Council ripresa da Casa&Clima.com e che riproponiamo al termine del post, spiega in maniera sintetica ed efficacie come e perché conviene investire in tetti vegetali, materiali drenanti e cisterni di raccolta dell’acqua piovana.
Incorporare le infrastrutture verdi nei progetti residenziali e commerciali conviene doppiamente: in termini di consumi e risparmio delle risorse naturali, certo, ma anche in termini di maggior valore e prestigio dell’immobile stesso, che risulta “riqualificato” dalla sua dotazione green.

Tra i vantaggi, quantificabili con maggiore precisione, troviamo:

  • la capacità di determinare un aumento dei canoni di affitto e dei valori delle proprietà;
  • risparmio energetico;
  • ottenimento di incentivi finanziari locali;
  • riduzione dei costi di mantenimento delle infrastrutture;
  • maggiore soddisfazione e migliore salute dei dipendenti o dei residenti.

Ecco alcune soluzioni proposte nell’infografica del NRDC;

green-infrastructure-info

Fra le soluzioni proposte:

  • I condomini con il “tetto verde” ricevono incentivi fino al 16% e possono far risparmiare fino a $300mila dollari l’anno in consumi.
  • Progettare uffici green fa crescere i tassi di affitto di almeno il 7%.
  • I clienti USA sono disposti a pagare dall’8 al 12& in più per i prodotti acquistati nei centri commerciali con tetto vegetale. Inoltre questo sistema di copertura consente di abbattere i costi per riscaldamento e raffrescamento, molto alti in strutture come ipermercati e “malls”.
  • Recuperare e riutilizzare l’acqua piovana, purificata, permette di ridurre notevolmente i costi delle bollette elettriche e relativi consumi.
  • Usare materiali come il calcestruzzo permeabile o l’asfalto per le pavimentazioni esterne permette di contenere il rischio alluvioni e allagamenti, riducendo inoltre i costi di manutenzione.

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet