Diagnosi energetica: le FAQ del MISE

Si avvicina la scadenza per la presentazione delle diagnosi energetiche per le grandi imprese e per le imprese energivore: il 5 dicembre 2015 è la data finale per eseguire la diagnosi.

Le imprese soggette all’obbligo sono tenute, inoltre, a trasmettere la diagnosi unitamente a tutta la documentazione richiesta entro e non oltre il 22 dicembre 2015, ciò per consentire ad ENEA di effettuare i controlli sulla conformità delle diagnosi stesse alle prescrizioni del decreto.

Dato l’approssimarsi della scadenza, il Ministero dello Sviluppo Economico ha risposto alle domande pervenute tramite la VOEE (Vetrina Operatori Efficienza Energetica – di cui EXITone fa parte) pubblicandole online e che riportiamo qua.

Oltre all’esigenza di adempiere alle disposizioni dell’Unione Europea, il MISE ribadisce che le diagnosi rappresentano un’opportunità per le imprese in quanto permettono di individuare i margini di miglioramento negli usi energetici e di intervenire per contenere i consumi, accrescendo il proprio vantaggio competitivo.
L’audit, infatti, oltre a riportare la situazione dei consumi energetici, dovrà fornire indicazioni sugli interventi possibili per ridurli, con tanto di valutazioni economiche, in modo da fornire agli interessati gli elementi necessari a valutare e favorire l’implementazione di azioni volte all’efficientamento energetico.

Per approfondire i servizi che EXITone offre in qualità di ESCo, clicca qui.

Più informazioni su

Edinet - Realizzazione Siti Internet